Quantcast
Noisey Blog

Il Natale di Emi Lo Zio (e altri amici)

Abbiamo chiesto a Emi Lo Zio di spiegarci come concilierà questo Natale con il suo percorso di dimagrimento, ma abbiamo anche testimonianze di Calcutta, Il Cile, Metal Carter e altri amici di Noisey

Mattia Costioli

Mattia Costioli

Ah, anche quest'anno sta arrivando un altro Natale di merda. L'atmosfera natalizia ormai si respira in ogni compilation messa in remoto dalla sede centrale di tutti i negozi in franchising che state saccheggiando per dimostrare il vostro affetto a parenti e amici.

Anche Emilozio, come tutti noi, quest'anno festeggerà il Natale, e sarà una festa un po' speciale perché capiterà durante il suo percorso di dimagrimento che ha deciso di documentare con la webserie In Forma Con Emi Lo Zio (a proposito, domani esce il nuovo episodio con i Club Dogo).

Abbiamo quindi deciso di chiedergli come affronterà le diverse incombenze culinarie che prevede la tradizione e lui è stato così gentile da raccontarci tutto. Trovate il suo programma succulento qui sotto, insieme a quello di alcuni altri amici di Noisey che ci hanno fatto compagnia in questo 2015, ma che sono stati molto meno diligente nel rispondere rispetto a Emi.

EMILOZIO

Ho imparato a moderarmi negli eccessi durante tutto l'anno, ma visto che a Natale non ci si può certo tirare indietro durante pranzi e cene, sto sempre attentissimo alla qualità degli ingredienti, il più possibile a km zero e comunque a filiera corta, e nel moderare le quantità per poter gustare tutto al meglio.

Il giorno della vigilia preferisco passarlo con gli amici, siamo in una quindicina. Sarà tutto a base di pesce come da tradizione.
Aperitivo: ostriche (apertura ostriche Beppe)
alici marinate alla ligure (Emiliano)
Panettone gastronomico guarnito con Salmone, gamberetti, tonno e uova di lombo (Michi)
Vino: prosecco di uva biologica pestata nei migliori vitigni di Emilozio.
Antipasto: moscardini alla palermitana (Emiliano e Marzio)
Saute di cozze e vongole (Emiliano, Marzio)
Quiche con salmone e porri (Ciccio)
Vino: Riesling, traminer
Primo: spaghetti freschi di giornata (Marzio, Gigi)
Con sugo di scampi (Deborah)
Risotto con asparagi di mare (Emiliano, Marzio, Ciccio)
Contorno: insalata di rinforzo (Beppe) insalata della Gilda (Ciccio)
Vino: ribolla gialla
Dolci: Frutta secca pandori panettoni vari
Vino: moscato e champagne

I nomi fra parentesi sono delle persone alle quali spetterà il compito di preparare i piatti.

I bimbi mangeranno una pizza preparata da me il giorno prima.

Per Natale verranno a trovarci i miei fratelli e mangeremo sempre come da tradizione il brodo di cappone e cappelletti al formaggio. Mio cognato Beppe porterà anche una chicca delle sue parti, essendo di Fidenza, porterà un bel culatello che assaggeremo per l' antipasto. Il culatello sarà accompagnato dalle conserve che faccio insieme a mia moglie. Quest'anno abbiamo fatto conserve di pomodoro, giardiniera, cipolline, peperoni in agrodolce, melanzane sott' olio,zucchine sotto aceto. Assaggeremo tutto a Natale.

Per il 26 a pranzo invece andremo a trovare la famiglia di mia moglie a Fidenza in provincia di Parma. Mia moglie è' francese così come mia suocera. Quest'anno al posto della tradizionale "dinde aux marrons" (tacchino con i marroni) cucinato da mia suocera abbiamo deciso di fare una degustazione di piatti vegetariani. Mia suocera ha la mia stessa passione per la cucina e sono sicuro che sarà una delizia. Così almeno per il 26 starò leggero.

NO(EMI)

METAL CARTER

BELLO FIGO GU

CALCUTTA

IL CILE

Passerò il Natale tra Arezzo e Milano per ragioni personali e legate al mio nuovo disco che cercherò di rendere totalmente stroncabile da Noisey Italia al primo ascolto poiché le buone abitudini, specialmente sotto le feste, non vanno perse.
In più non potrò ingozzarmi come tutti gli altri mortali a me vicini poiché sono a dieta, dovendo girare presto un video e fare un servizio fotografico.
E dopo avere trascorso un'estate mediaticamente di rilievo grazie alla collaborazione con lo Zio Ax in "Maria Salvador", non vorrei tornare a leggere sullo schermo del mio Mac, con sconforto e rabbia repressa, commenti vari sul mio peso altalenante, neanche improvvisamente tutto il web si fosse trasformato in un succedaneo di Rosanna Lambertucci.

Ne approfittiamo per augurarvi Buone Feste a nome della Redazione, ma è solo una formalità perché rimarremo qui a tartassarvi per tutte le vacanze.