Mai Mai Mai - Delta

Il lato oscuro del mare Egeo, portato a galla da Toni Cutrone

|
mag 15 2014, 8:58am

Mai Mai Mai: è Toni Cutrone, lo ha smascherato un giornale locale in occasione di una sua data (mi pare) da qualche parte in Calabria. Non che nel giro non si sapesse, chi si nasconde sotto quel cappuccio da eremita psichedelico non è solo il batterista di HiroshimaRocksAround e Trouble Vs. Glue e capoccia di NO=FI Recordings, ma anche l'uomo dietro a quel covo sotterraneo al Pigneto chiamato DalVerme, quindi parzialmente responsabile di raduni hippie-massonici come Thalassa.

Il suo personale approccio alla materia italiana occulta è influenzato da una fissa personale per il mare Egeo e in effetti funziona per maree, onde di suono analogico spinte da correnti rumorose e attraversate da ritmiche a 8 bit e percussioni a mano. Dopo un bell'album sulla solita Boring Machines, Toni risale l'alfabeto greco con un EP intitolato Delta e pubblicato da Yerevan Tapes. Più decisi e definiti rispetto all'esordio, i pezzi di questa uscita contengono anche comparsate di compari come Donato Epiro all'organo, Gianni Giublena Rosacroce al clarinetto e Piovs al Moog. Come tutte le uscite Yerevan, anche questa si presenta in una confezione molto bella e curata: discobag di cartoncino Avana, centrini a colori e inserto pieghevole su carta da lucido.

Se dopo avere ascoltato queste quattro tracce non vi viene voglia di spendere soldi per un oggetto così bello siete dei poveracci.

Segui Francesco su Twitter — @FBirsaNON