Come gli OvO hanno scavato l'Abisso

I capi dell'underground italiano pubblicano in cassetta le demo di "Abisso". Le potete ascoltare qui prima che altrove.

|
05 marzo 2015, 2:14pm

Gli OvO sono praticamente i king dell'underground Italiano. Se non sapete che facevano già roba tra il rumoroso, il malvagio e il mentalmente disagiato mentale ben prima che arrivassero tutti i drogati di Providence che hanno tenuto banco per gran part degli anni Duemila. Stavano anche sperimentando commistioni tra l'improvvisazione, il noise più lo-fi e l'estetica del metal estremo molto prima che arrivassero i vari Wolf Eyes & co. Tra album, split, collaborazioni, side project etc., il duo-base Bruno Dorella + Stefania Pedretti ha fatto davvero un bel po' di dischi.

L'ultimo, bellissimo, si intitola Abisso ed è uscito su SupernaturalCat. Quello che non sapevamo è che di molte delle tracce dell'album esistevano delle versioni primitive, un pugno di abbozzi espressionistici che i nostri avevano registrato senza troppi filtri e rimaneggiamenti. Queste demo dell'inferno escono ora in cassetta per quei barboni romani di NO=FI col titolo di Abisso/Genesi. L'avete ascoltato qui prima che altrove:

La tape è fuori lunedì 9 marzo, e sabato 7 la band la presenta a Dal Verme. Insomma, andateci, diamine!