The Delay In The Universal Loop - Split Consciousness

Il nuovo album del producer campano, synth impazziti e beat spaziali per un viaggio in giro per il cosmo.

|
lug 7 2015, 7:36am

Con questo nome potremmo essere sulle pagine scientifiche di Motherboard, invece The Delay In The Universal Loop è il progetto musicale di Dylan Iuliano, ventenne campano che sta spaccando tutto in giro per l'universo. L'album che vi presentiamo, Split Consciousness, esce proprio oggi in CD/digitale/vinile per Moon Sounds Records e in cassetta per Dilated Time/Cemetery Sisters.

Non c'è bisogno di descrivere la musica di Dylan se non come una versione 2015 di 2001 Odissea Nello Spazio in cui il protagonista, anziché essere un riflessivo astronauta che scala con fatica lo spazio-tempo, è un giovane, uno della "Eternal Youth of the 7th Universe" che si diverte a saltare da una Supernova a una Nana Rossa. Il tappeto sonoro è molto meno cupo e contorto rispetto al primo lavoro, Disarmonia, ispirato a tematiche nietzschiane o eraclitee, a fiumi di pensiero in cui si scende e non si scende, si è e non si è. A distanza di due anni la maturazione sonora si traduce in una maggiore leggerezza, e si disancora da territori immediatamente riconoscibili per diventare estremamente versatile e viaggiare da glitch a tappeti onirici, da vocal incalzanti a voci pitchate, assenti, voci fantasma, e appoggiarsi ora alla new wave ora a sperimentazioni drone. Riassumendo, stavolta ci troviamo di fronte a un lavoro solido e costruito attorno a un'estetica individuale che non ha paura di mostrarsi in ogni suo angolo, e questa sfrontatezza premia perché il risultato è magistrale.

Qui potete ascoltarvi lo streaming e iniziare a prenotare i posti per la navicella che vi porterà in giro per il cosmo in caso decidiate di comprarvi il disco (bravi).